QuiCamerlata

Tombe "sepolte" dall'erba: incuria e degrado al cimitero di Camerlata

La segnalazione di una lettrice: "Quasi impossibile raggiungere i sepolcri dei propri cari"

Erba così alta da impedire quasi di raggiungere le tombe dei propri cari estinti. Succede al cimitero di Camerlata in via Canturina a Como. La segnalazione e le foto che pubblichiamo arrivano da una lettrice che negli ultimi giorni si è recata al Campo Santo di Camerlata e per l'ennesima volta ha trovato una situazione di incuria e degrado indegna per un simile luogo.

"Al cimitero di Camerlata l'erba - scrive la lettrice - è così alta che le tombe sono coperte dalla vegetazione e piene di insetti. I viali di passaggio vengono puliti e curati di tanto in tanto, ma è impossibile arrivare alla tomba dei propri cari perchè si affonda nell'erba e saltano fuori gli insetti".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • È veramente deplorevole vedere un luogo sacro laddove sono sepolti i nostri cari defunti cercate voi che è sottinteso chi siete di darvi da fare per migliorare questo luogo degno di venerazione fatelo al più presto possibile.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La picchia e le proibisce di imparare l'italiano: pakistano arrestato a Como

  • Cronaca

    Montorfano, massacra il collega di botte e gli spacca il cranio sul luogo di lavoro

  • Cronaca

    Spaccio di droga in Valtellina, sgominata banda di richiedenti asilo: arresti anche a Como

  • Comune

    Alla città di Como il Premio Internazionale per la Pace

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita davanti all'ospedale Sant'Anna: lo trovano ore dopo

  • Montorfano, massacra il collega di botte e gli spacca il cranio sul luogo di lavoro

  • Auto bruciata con una persona dentro: donna morta a Uggiate Trevano

  • L'hotel Hilton cerca 100 dipendenti, assunzioni anche a Como: come partecipare alle selezioni

  • Rai1 a Grandate, "La vita in diretta" intervista don Pandolfi parroco esorcista: il diavolo esiste?

  • Vacanze da scrittori su Lago di Como

Torna su
QuiComo è in caricamento