QuiCamerlata

Calci, pugni e spray al peperoncino: terrore alla stazione di Camerlata

Zio e nipote aggrediti da tre nordafricani: due sono stati arrestati

Aggredito con lo spray al peperoncino e picchiato con calci e pugni. La vittima è un uomo, di nazionalità egiziana, che si trovava intorno alle 23 dell'8 marzo 2019 alla stazione delle ferrovie dello Stato di Albate-Camerlata. Il nipote era appena salito sul treno e lo zio lo stava salutando quando due giovani si sono avvicinati al ragazzo e lo hanno aggredito, forse per rapinarlo. Lo zio ha reagito ma non ha fatto in tempo a intervenire in difesa del nipote che un terzo giovane gli si è parato davanti e gli ha spruzzato negli occhi lo spray al peperoncino, dopodiché ha iniziato a colpirlo al volto con violenti pugni. L'egiziano, però, si è difeso strenuamente ma in aiuto dell'aggressore sono arrivati i due giovani che erano appena saliti sul treno e insieme hanno continuato a picchiarlo con calci e pugni cercando di strappargli dalle mani il marsupio.

Zio e nipote hanno cercato di fuggire finché i tre delinquenti non hanno capito che era meglio desistere, anche perché la scena si era svolta davanti ad alcuni passeggeri del treno che hanno chiamato la polizia.

Due degli aggressori sono stati fermati dagli agenti delle volanti che sono oimmediatamente intervenuti, mentre il terzo è riuscito a scappare. I due arrestati sono un 21enne e un 22enne tunisini. Si trovano al Carcere Bassone di Como.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'autostrada A4: è morto Cesare Coquio di Uggiate Trevano

  • A Como arriva Decathlon: ecco come sarà

  • Persona investita dal treno a Lugano Paradiso

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Trono di spade: l'attrice che interpreta Arya Stark a Como

  • Pessime condizioni igieniche, la polizia chiude un locale di piazza San Rocco a Como: è la seconda volta

Torna su
QuiComo è in caricamento